CORONAVIRUS


L’infortunio sul lavoro per le infezioni da Covid-19 non comporta automaticamente l’accertamento della responsabilità civile o penale in capo al datore di lavoro: lo ha chiarito l’INAIL nei giorni scorsi, contribuendo all’acceso dibattito in corso in tema di rientro in ufficio o azienda dopo la sospensione imposta dal lockdown.

Quarantena pagata come malattia

20 Marzo 2020

La mancata correlazione diretta tra i due scenari è dovuta alla diversità dei rispettivi presupposti. E soprattutto perché le possibilità di contagio sono talmente varie e diversificate che risulta troppo complessa la configurabilità diretta di una responsabilità civile e penale dei datori di lavoro per l’infezione da Covid del lavoratore.

PUBBLICITÀ

In pratica, è potenzialmente responsabile solo il datore di lavoro che non abbia rispettato le norme a tutela della salute e sicurezza sui luoghi di lavoro.

Fase 2: sicurezza e responsabilità

4 Maggio 2020

Per accertare tali eventuali responsabilità penali ci vuole dunque la prova del dolo o della colpa, con criteri del tutto diversi da quelli da cui scaturisce il dritto alle prestazioni assicurative a beneficio del lavoratore.

Ed anche in sede civile è necessario l’accertamento della colpa per aver causato l’evento dannoso.

Per qualsiasi consulenza può contattare la Lionsnet S.r.l. - www.lionsnet.it

Post recenti
Post in evidenza
Seguici
Cerca per tag
Archivio
  • Facebook Basic Square
  • YouTube Social  Icon

© 2017 All Rights Reserved

SEGUICI SU

  • w-facebook
  • White YouTube Icon