Please reload

Post recenti

Al via bando di 391 milioni per la ricerca di base

December 29, 2017

1/10
Please reload

Post in evidenza

Diffamazione: basta il titolo di un articolo per il reato

La portata diffamatoria del titolo

Tale considerazione ha portato la Corte di cassazione a concludere, nell'ordinanza numero 12012/2017, che la valutazione della portata diffamatoria di un'espressione attraverso la lettura congiunta del titolo e dell'articolo non ha più la stessa portata che aveva un tempo.

 

La responsabilità risarcitoria per diffamazione a mezzo stampa, in altre parole, può configurarsi anche considerando in maniera autonoma il titolo di un articolo giornalistico rispetto al contenuto dello stesso. Occorre però a tal fine valutare che effettivamente il titolo rechi un'affermazione compiuta, chiara, univoca e integralmente percepibile dal lettore anche senza approfondire la questione con la lettura dell'articolo.

Se viceversa il titolo è generico, va infatti approfondita l'analisi circa la sua portata diffamatoria analizzando anche il contenuto dell'articolo.

La vicenda

Nel caso di specie la Corte d'appello non aveva spiegato se il titolo dell'articolo, affiancato dal sottotitolo e con annesse fotografie e didascalia esplicativa di "boss" e "governatore", avesse un'autonoma valenza diffamatoria della persona offesa, accostandola effettivamente alla mafia. Alla luce della decisione della Cassazione, pertanto, il giudice del merito dovrà ora tornare a valutare la questione, verificando l'autonoma portata diffamatoria di tali elementi.

 

Condividere su Facebook
Condividere su Twitter
Please reload

Seguici
Cerca per tag
Please reload

Archivio
  • Facebook Basic Square
  • YouTube Social  Icon

© 2017 All Rights Reserved

SEGUICI SU

  • w-facebook
  • White YouTube Icon